News

News

Leggi tutte le notizie di BCC Basciano

 

Primo piano

04/08/2023

BANDO PNRR BORGHI 2023

Bando aperto dal 08 giugno 2023 al 11 settembre 2023

Soggetti Beneficiari

Piccole e medie imprese in forma singola - od associate in gruppi da 3 fino a 5 imprese - già costituite o che si intendono costituire in società di capitali o di persone in uno dei Comuni elencati in calce alla scheda, selezionati come borghi storici nell'ambito del PNRR.

Sono ammissibili i settori turistico, agroalimentare, commerciale, artigiano, culturale, creativo.

Progetti agevolabili

Sono agevolabili progetti di investimento presentabili dalle imprese, purché siano coerenti e sinergici col Progetto di Rigenerazione Culturale e Sociale definito dal singolo Comune e realizzato nell'ambito del borgo storico.

L'investimento, di valore max di 150.000 €, deve essere volto a rilanciare l'economia locale nell'ambito di attività turistiche, agroalimentari, commerciali, artigiane, creative e culturali attraverso interventi di:

  • efficienza energetica dello stabilimento/processi produttivi; sfruttamento fonti energetiche rinnovabili (es. fotovoltaico, l'eolico, ecc...); introduzione di processi di economia circolare; o altre misure in grado di mitigare i cambiamenti climatici;
  • protezione e promozione di beni turistici e servizi turistici, incrementando l'attrattività di borghi storici.

Il progetto deve impiegare almeno il 50% del valore totale per raggiungere un obiettivo ambientale (prevenzione e adattamento ai cambiamenti climatici, economia circolare, prevenzione dell'inquinamento, biodiversità) nel rispetto del principio DNSH.

Il progetto deve essere concluso entro 18 mesi dalla data di deliberazione dell'agevolazione.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le seguenti spese, sostenute dopo la data di presentazione della domanda di agevolazione: impianti, macchinari e attrezzature; arredi e mezzi mobili; software, brevetti e marchi; opere murarie (fino al 40% delle spese totali); capitale circolante fino al 20% delle spese ammissibili (materie prime, semilavorati e prodotti finiti; utenze; canoni di locazione; prestazione di servizi; personale dipendente).

Agevolazioni

Contributo a fondo perduto fino al 90% delle spese ammissibili, per un importo di beneficio massimo di 75.000 €. Nel caso di nuove imprese (costituite entro 60 giorni dalla delibera d'ammissione al contributo) o imprese giovanili e/o femminili, l'aliquota è aumentata al 100% delle spese ammissibili.

L'agevolazione è concessa al rispetto del regime de minimis (la somma di tutte le agevolazioni in regime de minimis ottenute dall'azienda, e dalle sue controllanti e controllate, non possono superare i 200.000 €, da calcolarsi nell'esercizio di riferimento e nei due esercizi precedenti).

Modalità di accesso

La domanda di agevolazione può essere presentata dall'8 giugno all'11 settembre attraverso l'apposita piattaforma Invitalia, valutata attraverso una graduatoria stilata su base regionale e prevedendo il superamento di un punteggio minimo. Dovranno essere allegati diversi documenti, tra cui la scheda del progetto d'investimento (descrivendo l'attività proposta, le finalità e gli aspetti tecnici); dichiarazione aiuti de minimis; dichiarazione del rispetto del principio DNSH; ultimo bilancio approvato o situazione contabile aggiornata.

Erogazione dell'agevolazione

Il beneficio può essere erogato, per il 10% a titolo di anticipazione con idonea fideiussione bancaria o polizza assicurativa, recuperata proporzionalmente nei successivi stati di avanzamento lavori (SAL); fino a massimo 2 SAL.

Informazioni

Per qualsiasi informazioni è possibile rivolgersi presso le nostre filiali di riferimento.

 

Tematiche

  • 04/08/2023

    BANDO PNRR BORGHI 2023

    Bando aperto dal 08 giugno 2023 al 11 settembre 2023

    Soggetti Beneficiari

    Piccole e medie imprese in forma singola - od associate in gruppi da 3 fino a 5 imprese - già costituite o che si intendono costituire in società di capitali o di persone in uno dei Comuni elencati in calce alla scheda, selezionati come borghi storici nell'ambito del PNRR.

    Sono ammissibili i settori turistico, agroalimentare, commerciale, artigiano, culturale, creativo.

    Progetti agevolabili

    Sono agevolabili progetti di investimento presentabili dalle imprese, purché siano coerenti e sinergici col Progetto di Rigenerazione Culturale e Sociale definito dal singolo Comune e realizzato nell'ambito del borgo storico.

    L'investimento, di valore max di 150.000 €, deve essere volto a rilanciare l'economia locale nell'ambito di attività turistiche, agroalimentari, commerciali, artigiane, creative e culturali attraverso interventi di:

    • efficienza energetica dello stabilimento/processi produttivi; sfruttamento fonti energetiche rinnovabili (es. fotovoltaico, l'eolico, ecc...); introduzione di processi di economia circolare; o altre misure in grado di mitigare i cambiamenti climatici;
    • protezione e promozione di beni turistici e servizi turistici, incrementando l'attrattività di borghi storici.

    Il progetto deve impiegare almeno il 50% del valore totale per raggiungere un obiettivo ambientale (prevenzione e adattamento ai cambiamenti climatici, economia circolare, prevenzione dell'inquinamento, biodiversità) nel rispetto del principio DNSH.

    Il progetto deve essere concluso entro 18 mesi dalla data di deliberazione dell'agevolazione.

    Spese ammissibili

    Sono ammissibili le seguenti spese, sostenute dopo la data di presentazione della domanda di agevolazione: impianti, macchinari e attrezzature; arredi e mezzi mobili; software, brevetti e marchi; opere murarie (fino al 40% delle spese totali); capitale circolante fino al 20% delle spese ammissibili (materie prime, semilavorati e prodotti finiti; utenze; canoni di locazione; prestazione di servizi; personale dipendente).

    Agevolazioni

    Contributo a fondo perduto fino al 90% delle spese ammissibili, per un importo di beneficio massimo di 75.000 €. Nel caso di nuove imprese (costituite entro 60 giorni dalla delibera d'ammissione al contributo) o imprese giovanili e/o femminili, l'aliquota è aumentata al 100% delle spese ammissibili.

    L'agevolazione è concessa al rispetto del regime de minimis (la somma di tutte le agevolazioni in regime de minimis ottenute dall'azienda, e dalle sue controllanti e controllate, non possono superare i 200.000 €, da calcolarsi nell'esercizio di riferimento e nei due esercizi precedenti).

    Modalità di accesso

    La domanda di agevolazione può essere presentata dall'8 giugno all'11 settembre attraverso l'apposita piattaforma Invitalia, valutata attraverso una graduatoria stilata su base regionale e prevedendo il superamento di un punteggio minimo. Dovranno essere allegati diversi documenti, tra cui la scheda del progetto d'investimento (descrivendo l'attività proposta, le finalità e gli aspetti tecnici); dichiarazione aiuti de minimis; dichiarazione del rispetto del principio DNSH; ultimo bilancio approvato o situazione contabile aggiornata.

    Erogazione dell'agevolazione

    Il beneficio può essere erogato, per il 10% a titolo di anticipazione con idonea fideiussione bancaria o polizza assicurativa, recuperata proporzionalmente nei successivi stati di avanzamento lavori (SAL); fino a massimo 2 SAL.

    Informazioni

    Per qualsiasi informazioni è possibile rivolgersi presso le nostre filiali di riferimento.

  • 31/01/2023
  • 08/06/2021
  • 08/04/2021
  • Non sono presenti notizie in questa tematica
  • Non sono presenti notizie in questa tematica